Salvia Fritta in Tempura

salvia fritta in tempura

Ari-Eccomi… dopo quasi due settimane di latitanza!
Praticamente Imperdonabile.

Ma (c’è sempre un “ma”), il richiamo del giardino comincia ad essere ossessivo. Dopo quasi due anni di privazioni di verde intorno a casa (causa imprevisto e prolungato soggiorno in un appartamento al secondo piano), mi impegna molto avere di nuovo un pezzettino di giardino di cui occuparmi. Mi piace frequentare forum di giardinaggio, sfogliare e studiare manuali per scegliere le piante in base al periodo di fioritura, alla persistenza o meno del fogliame, nonché al colore delle foglie e dei fiori… Tutto questo mi occupa gran parte del tempo libero!!

E poco ne rimane per fotografare e preparare nuovi post, per pensare nuovi accostamenti, per cimentarmi in nuove preparazioni.

Ma ieri ha piovuto molto e oggi tira un vento fastidiosissimo, e devo dire che questa combinazione di eventi naturali non rende molto piacevole il soggiorno tra le piante; quindi ho rispolverato un’antica curiosità culinaria e mi sono cimentata nella preparazione della salvia fritta in tempura, capitalizzando le cure dedicate alla mia salvia sclarea (qui) (dimensione delle foglie= 15 cm x 8 cm).

Anche solo la parola “tempura” mi rimanda al Giappone, ma sembra che l’invenzione sia da attribuire ai Gesuiti Portoghesi.
In ogni caso… il tempura è una pastella molto leggera e friabile adatta per friggere crostacei (gamberetti, capesante…) e verdure (zucchine, cavolfiori…).
Gli ingredienti del tempura devono essere freddi di frigorifero.
Chiaramente, deve essere data un’attenzione particolare alla temperatura dell’olio di frittura, che non deve superare i 180° C; da misurare con il termometro o come facevano gli antichi: immergevano una goccia di pastella nell’olio, doveva scendere sul fondo e poi risalire in superficie. Io preferisco il termometro 😀 perché durante la frittura la temperatura dell’olio cambia anche di molto e solo con il termometro mi rendo conto se devo aumentare o abbassare la fiamma.

La salvia fritta in tempura è un ottimo stuzzichino da aperitivo. Ma perché non provare anche la salvia fritta nella pasta cresciuta? (clic per la ricetta della pasta cresciuta)

Ricetta Salvia fritta in tempura

Salvia Fritta in Tempura
Porzioni 4
Stampa
Tempo totale
30 min
Tempo totale
30 min
Ingredienti
  1. 8 foglie giganti di salvia
  2. 1 tuorlo
  3. 100 g di farina 00
  4. 100 ml di acqua gassata fredda di frigorifero
  5. olio di soia per friggere (oppure olio di arachidi)
  6. sale
Preparazione
  1. In una terrina fredda ho sbattuto il tuorlo con l’acqua gelata.
  2. Ho aggiunto la farina mescolando in continuazione per evitare grumi.
  3. Quando avevo ottenuto una pastella liscia e omogenea ho aggiunto il sale, quindi l’ho messa a far riposare in frigo per almeno 15 minuti.
  4. Nel frattempo ho messo a scaldare l’olio e sono andata in giardino in direzione del bidone delle piante aromatiche e ho prelevato 8 foglie dalla mia salvia, le ho sciacquate e asciugate.
  5. Quindi le ho passate nel tempura e le ho fritte.
  6. Da servire calde.
Diario di Cucina https://www.diariodicucina.it/