Pizza Biplano

pizza biplano

Pizza biplano.

Ari-eccolo!

Signore e Signori, è con mia somma gioia che vi comunico che Piero è tornato.
Stavolta mi sfida. Dice che si rifarà vivo solo se sopravviverò a questa pizza.
Pensa di liberarsi di me… L’Illuso!
Ebbene, Piero, come vedi sono sopravvissuta al tuo esperimento. E devo dire che m’è pure piaciuto, altrimenti, come sai, non l’avrei postato…

Oramai con lui è tradizione: copio e incollo dalla e-mail che m’ha mandato. 

“In fondo è solo una pizza… ma con tante varianti dentro che non saprei come chiamarla: sembra una torta di Nonna Papera, di fatto.

Ti spiego: la mia idea di pizza è quella al trancio, morbida ed altina. Per Cristina deve essere sottile e croccante. Per nostro figlio è una via di mezzo, da cui lui, prima, toglie accuratamente il condimento.
Ci ho pensato su mesi, per trovare qualcosa che accontentasse tutti: poi ho pensato di “scontentare” tutti (approccio quasi “Zen “) cosicché nessuno si “aspettasse” qualcosa su cui fare riferimento :-)))

Ed eccola qua, la “pizza Biplano”: devo dire che… beh.. mica male :-)

Ricetta Pizza Biplano

Pizza Biplano
Stampa
Tempo totale
1 hr
Tempo totale
1 hr
Ingredienti
  1. 400 g Farina 00
  2. Farina 0
  3. Lievito (io ho usato lievito in polvere " lento")
  4. 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  5. 3 cucchiai di latte
  6. Pelati
  7. Mozzarella
  8. Origano ecc...
Preparazione
  1. Ho pesato e setacciato un 400 gr abbondanti di farina 00 (vado a "spanne", sai che dipende da temperatura ambiente ed umidità ambientale...) in una ciotola, unendovi il lievito, sale fino come si addice al tutto, e con una forchetta ho fatto fare conoscenza tra loro...
  2. Poi ho fissato bene la bottiglia di olio, pregando di non usarne a sproposito (dà croccantezza) diciamo un tre cucchiai da minestra, a "naso"... e del latte a temperatura ambiente... idem quantità, forse un filo di più.
  3. Con acqua ho ottenuto l' impasto... e qui cominciamo a fare casino: anzichè "completarlo" con la 00, usavo la farina 0 per non renderlo troppo molle... Quando l'impasto mi è sembrato pronto l'ho messo a lievitare nel forno acceso al minimo (40-50°, gli dai un incoraggiamento a crescere...), con un telo leggermente umido a coprirlo...
  4. Un'oretta, col lievito in polvere…
  5. Poi ho rotto la lievitazione impastando di nuovo usando solo farina 0. Quando non ce la facciamo più (diciamo un 5-10 minuti), la dividiamo in 1/3 e 2/3 e la rimettiamo a lievitare per un’altra ora.
  6. A questo punto togliamo l'impasto dal contenitore e mettiamo il forno a 230°, TEGLIA INCLUSA...così si scalda bene anche lei...
  7. Su un foglio di carta da forno adeguato alla teglia stendiamo il 2/3 ( mi sa che si potrbbe usare anche una tortiera..)
  8. Togliamo la teglia dal forno (attenta, scotta da paura!) e ci adagiamo la base.
  9. Mentre ci mettiamo la mozzarella, e quant'altro vuoi (io ho messo anche cipolle e prosciutto cotto, qualche filetto di oliva e quello che avevo in frigo... nonché origano, pepe, sale, olio e no, qui NON ho messo zenzero!) la "ragazza " comincia a cuocere..asciugarsi.
  10. Intanto ho tirato il 1/3 rimanente, sottile sottile, e l'ho adagiato sopra il tutto, chiudendolo come si fa per una torta salata.
  11. Ho praticato aperture (usando una forchetta, ma anche taglietti fatti con il coltello)
  12. Solo adesso, sopra, ho messo i pelati, con pochissimi pezzi di mozzarella, un giro di olio, origano, sale.
  13. Inforni il tutto, classico quarto d'ora.
Diario di Cucina https://www.diariodicucina.it/