Pisco Sour

Pisco-sour 

Ricetta Pisco Sour. Dal viaggio sul Machu Picchu sono tornata con la ricetta del Pisco sour. In Perù è l’aperitivo nazionale.

Viaggiare apre la mente.
Sei catapultato in realtà diverse da quella a cui sei abituato.
Prendi le distanze dalla tua quotidianità e ti rendi conto di quanto siano effimere le preoccupazioni quotidiane.
Riprendi contatto con le cose realmente importanti della vita.
Allontani ciò che rappresenta solo una perdita di tempo e le questioni di principio.
Apprezzi le cose che hai, i piccoli piaceri della vita, il privilegio di vivere a casa tua.
Sono tornata dal viaggio in Perù.
Paese poverissimo. Clima inclemente. Terre aride e difficili da lavorare. Le Ande. Il lago Titicaca. Povertà. Il Machu-Picchu. Cusco. Gente buona e leale.
Il Perù si può visitare tentando di immedesimarsi e vivere con il minimo indispensabile, magari accettando ospitalità per la notte e per la cena. Case fatte di mattoni di fango e paglia. Tetti di lamiera. Galline, galli, maialini di guinea e uomini nell’unico stanzone. Patate. Cipolle. Lama, alpaca e vigogna. Banane (ottime quelle piccole). Caldo di gallina e uova. Feste e balli. L’ho visitato così, ma tra Cusco e il Machu-Picchu ho scelto di fare la turista a cinque stelle: massaggi, discoteche per aspettare l’alba, ristoranti ed happy hour dove servono l’aperitivo nazionale: il Pisco Sour.

Per il pisco sour bisogna avere il pisco. Se non ce l’avete lasciate perdere.. Ho provato a sostituirlo con della grappa e a modificare la ricetta ma non è la stessa cosa… il pisco è un’acquavite con un sapore molto particolare perché a differenza del brandy (o cognac) non viene invecchiata a lungo nelle botti. Il pisco è molto diffuso anche in cile e infatti peruviani e cileni si contendono il merito di averlo distillato per primo.

Ricetta Pisco Sour

Pisco Sour
Stampa
Tempo totale
15 min
Tempo totale
15 min
Ingredienti
  1. 2 parti di Pisco,
  2. 1 parte di succo di lime,
  3. 1 parte di sciroppo,
  4. 1 bianco d’uovo montato a neve non ferma,
  5. 3 cubetti di ghiaccio,
  6. un pizzico di cannella o di zucchero a velo per decorare.
Preparazione
  1. Preparare lo sciroppo sciogliendo 75 g di zucchero in 50 ml di acqua facendo scaldare sul fornello per facilitare la dissoluzione dello zucchero.
  2. Quando lo zucchero si è sciolto la soluzione ha aumentato il suo volume a circa 100 ml, quindi ho dovuto scartarne circa la metà perché a me servivano solo 50 ml.
  3. Mescolare il Pisco con lo sciroppo e con il succo di limone.
  4. Aggiungere il ghiaccio.
  5. Aggiunto la schiuma ottenuta dall’albume e guarnire con la cannella.
Note
  1. Si beve con una cannuccia.
Diario di Cucina https://www.diariodicucina.it/
    • Evandro

      Ragazzi ! Io e mia moglie siamo stati un mese in Perù . Di Pisco sour ne abbiamo bevuti tantissimi . Tutti autentici e buonissimi accompagnati
      da granoturco caldo . Mi viene l’acquolina in bocca . Fantastico Perù ! Vacanza meravigliosa .
      Da Lima a Tititaca , passando per Pisco , Isole Ballestas , Nazca , Arequipa , Cusco , Amazzonia ( Parco del Manu , una settimana ) Machu Pichu . Ceviche , ceviche , ceviche , ceviche………
      A parlarne mi vien voglia di tornarci .

  • Alberto Alberti

    Mi fa piacere vedere tutti questi commenti sul pisco, ma in italia sono pochissimi quelli che possono dire di aver bevuto un autentico pisco sour (compresi quelli che sono stati in perù), d’altronde bere un pisco sour in perù è sinonimo di garanzia quanto bere un negroni in italia… non è detto che visto che è preparato in italia debba essere sempre perfetto (anzi…), ma per il pisco sour la questione è ancora più complessa in quanto è preparato con ingredienti tipici del perù che in italia non sono facilmente reperibili.

    Quindi in conclusione:
    -se hai bevuto un pisco sour in italia, al 99% non era autentico perchè non era fatto con ingredienti tipici del perù, ecc.
    -se hai bevuto un pisco sour in perù certamente ci sono molte più possibilità che sia perfetto o quasi, ma queste possibilità sono direttamente equiparabili alla percentuale di barman superbravissimi presenti nel territorio (che non è dissimile a quella di quasi qualunque altro paese al mondo, una percentuale compresa tra il 5 e il 10%). D’altronde il bartending è un’arte… sono pochi quelli che sanno fare drink degni del nome che portano.

    A proposito, la ricetta sopra elencata più che un pisco sour mi sembra quella di un suo cugino italiano… se comunque l’avete preparata, quando vi chiedono se avete mai bevuto il pisco sour non dite “si”, ma “più o meno”.

    • Buongiorno Alberto.
      Il Pisco sour l’ho bevuto per la prima volta in Perù e mi ha talmente colpito da voler comprare un ricettario dove c’era la ricetta. Anche il ricettario l’ho preso in Perù: non so se sul ricettario peruviano abbiano messo la “vera” ricetta del Pisco Sour ma… sulle “vere” ricette possiamo aprire un dibattito infinito che, ovviamente, vale anche per la carbonara. Sono pienamente d’accordo con te quando dici che il Pisco non si trova facilmente in Italia.