Melanzane Sott’olio

melanzane sott'olio

Melanzane sott’olio.
Decidere di passare un pomeriggio a scottare, speziare e imbarattolare non è cosa facile, ma se penso che poi mi trovo pronta qualche cenetta durante la calura estiva, non esito e invaso melanzane sott’olio come se non ci fosse un domani 😀

Prima di tutto bisogna decidere quanto si vogliono acidulate. Mi spiego meglio. Le melanzane, dopo essere state sbucciate e tagliate a listarelle  (qualcuno le mette anche sotto sale per un’oretta eppoi le sciacqua per bene) vanno sbollentate per 3 minuti in un mix di vino bianco e aceto bianco di vino. Io uso la metà di aceto rispetto al vino. Quindi porto a bollore un litro di vino bianco e mezzo litro di aceto. Ma se piacciono sapori più decisi si può pensare di fare un 50 e 50 (un litro di vino e uno di aceto).
Quindi, abbiamo detto di aver sbucciato le melanzane, di averle tagliate a listarelle e di aver portato a bollore il vino con l’aceto. Ora, poche per volta, occorre scottare per 3 minuti le melanzane, quindi scolarle bene e lasciarle asciugare su un canovaccio. A questo punto si può cominciare a invasare.
Sul fondo del vasetto ho messo una foglia di alloro, poi uno strato di melanzane, quindi ho salato e ho messo un peperoncino secco intero, mezzo spicchio d’aglio e qualche grano di pepe nero.

Alla fine aggiungere l’olio fino a coprire il tutto.

Anche la scelta dell’olio merita qualche considerazione. C’è chi ritiene che l’olio extravergine di oliva sia troppo forte e quindi preferisce usare altri oli, se devo consigliarne uno alternativo, io andrei sull’olio di soia: è più delicato e contiene molti omega-3.

Se si riesce ad aspettare un mesetto prima di aprire il vasetto delle melanzane sott’olio è meglio perché le melanzane hanno più sapore.

Che dire del rischio botulino? Con le conserve di verdure sott’olio occorre farci i conti. La sterilizzazione dei vasetti e la breve bollitura in vino e aceto non mi rassicura al 100% (nel senso che non credo basti a rendere le melanzane sott’olio sufficientemente acide da impedire la gemmazione delle spore) e allora che faccio? Tindalizzazione è la parola magica.

La tindalizzazione è un processo che mi rassicura al 100% di avere un prodotto botulino-free: avvolgo i vasetti di melanzane sott’olio in canovacci di stoffa e li immergo in una pentola piena di acqua. Porto l’acqua a bollore e spengo il fuoco. Lascio i vasetti nella pentola. Il giorno dopo ripeto l’operazione e il terzo giorno anche. Quando l’acqua si è freddata anche il terzo giorno posso mettere i vasetti in dispensa e stare tranquilla. Le spore amano il caldino e gemmano quando scaldiamo l’acqua, così con la scaldata del giorno dopo uccidiamo i nuovi batteri e le nuove tossine 😀 I rabbocchi di olio sono permessi durante la tindalizzazione.

Ricetta Melanzane sott’Olio

Melanzane sott'Olio
Stampa
Tempo totale
3 hr
Tempo totale
3 hr
Ingredienti
  1. Melanzane
  2. 1 lt di vino bianco
  3. 1/2 litro di aceto bianco
  4. alloro
  5. sale
  6. peperoncino secco
  7. aglio
  8. pepe nero in grani
  9. olio di soia
Preparazione
  1. Sbucciare le melanzane e tagliarle a fette di circa 1 cm di spessore.
  2. Metterle sotto per un'oretta, quindi sciacquarle sotto l'acqua corrente e strizzarle. Tagliarle a striscioline.
  3. Portare a bollore il vino con l'aceto e scottare le striscioline di melanzane per 3 minuti.
  4. Scolare bene e lasciar asciugare le melanzane su un canovaccio.
  5. Sterilizzare i barattoli.
  6. Comporre il barattolo di conserva cominciando dagli aromi: alloro, peperoncino, aglio e grani di pepe nero. Mettere uno strato di melanzane e salare.
  7. Alla fine versare l'olio fino a coprire tutte le melanzane.
  8. Tindalizzare.
Diario di Cucina https://www.diariodicucina.it/