Lasagne al Pesto

 lasagne al pesto

Come da bambini, quando vedevamo una cosa che ci piaceva e strillavamo “mio!” ed eravamo pronti ad afferrarla, così si fa da adulti.
A poco è servita l’esperienza. L’aver sperimentato che un fiore bellissimo visto in quel prato muore in poco tempo nel vaso di casa nostra; e così non sentire più il canto dell’usignolo da quando lo abbiamo rinchiuso nella nostra gabbia.
Quando impareremo che una stella ha bisogno del cielo per poter brillare? Così, prima di prendere quella stella luminosissima che tanto ci piace, domandiamoci se saremo in grado di continuare a farla brillare…

E’ imbarazzante vedere come l’equilibrio che si instaura in certe coppie si basi sulla distruzione della stima dell’altro, piuttosto che nell’esaltazione delle caratteristiche che ci hanno fatto innamorare.

E’ strano vedere coppie di “ex” andare più d’accordo da “ex” che mentre erano in coppia

Lasagne la pesto.

Noti in tutto il mondo per la pastasciutta, con orgoglio sperimentiamo sempre nuovi condimenti. Ed è davvero difficile sbagliare: con la pasta sta bene davvero tutto (a parte la pelle d’oca che m’è venuta quando in Canada ho visto un bambino condire il suo piatto di spaghetti scotti con il ketchup).
L’unico accorgimento che dobbiamo avere è nell’abbinamento del condimento con la portata successiva: sconsiglierei delle fettuccine al ragù di carne se per secondo abbiamo pesce; viceversa non preparerei un risotto ai frutti di mare se per secondo abbiamo un arrosto…

E quando devo preparare un pranzo, prima di decidere se il menù sarà di carne o di pesce, faccio un salto al supermercato (dotato sia di macelleria che di pescheria interne) e mi faccio ispirare dalle disponibilità.

Ma c’è un primo piatto che mi salva sempre: le lasagne al pesto…
D’estate, d’inverno, con menù di carne o di pesce.
Si abbina a tutto e dà al pranzo quel quid di ufficialità e originalità.

Per la preparazione delle lasagne al pesto serve la besciamella che trovate qui, il pesto invece è qui 😉

Ricetta Lasagne al Pesto

Lasagne al Pesto
Porzioni 6
Stampa
Tempo totale
1 hr
Tempo totale
1 hr
Ingredienti
  1. 500 g di sfoglia all’uovo fresca
  2. 300 g di pesto
  3. sale
  4. 150 dl di besciamella
  5. burro
  6. parmigiano grattugiato
Preparazione
  1. Ho acceso il forno a 200°C.
  2. Ho scottato per 1 minuto la pasta all’uovo fresca in acqua salata e poi le ho fatte asciugare su un strofinaccio facendo attenzione a non farle toccare fra di loro (si attaccano). Per scolarle senza scottarmi le mani le toglievo dall’acqua bollente con una schiumarola e le mettevo in una insalatiera piena di acqua fredda.
  3. Ho preparato la besciamella e l’ho fatta intiepidire prima di mescolarla con il pesto.
  4. Ho imburrato la teglia e ho messo uno strato di besciamella al pesto e c’ho adagiato sopra uno strato di pasta all’uovo.
  5. Ho messo un altro strato di besciamella e ho spolverato con del parmigiano grattugiato.
  6. Ho continuato a formare strati fino al termine degli ingredienti.
  7. Sull’ultimo strato, che deve essere di besciamella, ho messo dei fiocchi di burro e parmigiano grattugiato. Ho infornato in forno caldo a 200 °C, senza aver ricoperto la teglia con la carta stagnola, per circa 10 minuti. In fondo è tutto cotto, il passaggio in forno serve solo per far amalgamare i sapori.
  8. Poi al grill per la crosticina.
Diario di Cucina https://www.diariodicucina.it/
    • angela

      Voi la sfoglia prima di metterla nella teglia la scottature mi hanno detto che si può metterla senza scottarla ciao

      • Ciao Angela,
        la pasta fresca all’uovo la devi scottare in acqua bollente altrimenti non riesce a cuocere solo con il passaggio in forno. Le sfoglie che non hanno bisogno di essere sbollentate sono quelle industriali (tipo “Rana”), ma hanno bisogno di una besciamella un po’ più liquida.

    • Notzuna contro i censori

      non ricordavo il mio precedente commento… ma il concetto è lo stesso.. le ricette tradizionali vanno rispettate, la cucina creativa lascia oceani di spazio.. cambiate nome alle ricette, tutto qui…

  • Notzuna contro i censori

    cara Amica, inorridisco! Sono genovese da parte di madre e qualunque ligure sa che IL PESTO NON SI CUOCE!.. Le lasagne col pesto sono un piatto tradizionale della riviera ma si condiscono come la pasta normale su un piatto da portata largo con un pesto leggero. Se lo cuocete il pesto perde tutto!! Le lasagne devono essere quadrati di 10×10 (dico a occhio..) e tanto sottili e seriche da essere chiamate “mandilli de sea” cioè fazzoletti di seta, perché in turco, dove i genovesi avevano un enorme quartiere, fazzoletto si dice “mandl”..ho viaggiato tanto e cucinato di più… credo che ognuno abbia diritto di sperimentare, se volete cuocete il pesto ma non chiamatelo “alla genovese”, sarebbe ridicolo, chiamatelo alla Carmela o come vi pare…ah sono angelwitch qui con altro nome