Gnocchi di Zucca allo Zenzero

gnocchi di zucca 

Gnocchi di Zucca.

A Roma si dice “giovedì gnocchi” (il venerdì invece tocca al pesce e il sabato alla trippa) 😉

Continuo quindi con la tradizione romana, dopo i maritozzi passo agli gnocchi, che in genere sono di patate ma se è tempo di zucca si fanno anche gli gnocchi di zucca! Eppoi ci sono gli gnocchi romani (ma quelli sono proprio un’altra cosa). Quindi pare proprio che i romani se ne intendano di gnocchi… ma quella volta proprio non me li aspettavo così gialli e duri e con quel sapore tanto diverso dal solito. Perché nessuno mi aveva detto che erano di zucca? Sarei stata più preparata. La cosa più difficile di questa ricetta è dosare lo zenzero (ma va da sé che si può anche  non mettere)

Gli gnocchi di zucca rimangono un po’ più duretti degli gnocchi di patate con i quali si corre sempre il rischio che si disfino in cottura. Ma io ho un trucco: li faccio “riposare” per 2 ore. C’è chi non ha il tempo per far riposare gli gnocchi e aggiunge un uovo nell’impasto; il rischio è quello di servire una specie di semolino viscido… ma tanto è sempre colpa delle patate, l’avete notato anche voi?

La ricetta degli gnocchi di zucca prevede la cottura al vapore della zucca e il suo spappolamento :-) si aggiunge la farina fino ad ottenere la consistenza desiderata e si fornìmano gli gnocchi che, come quelli di patate, si devono rotolare sulla forchetta e far riposare un paio d’ore (o congelare e mettere da parte). Si lessano e si condiscono con un intingoletto di olio,  pomodorini e una punta di peperoncino.

Perché non prepararne una quantità industriale da congelare e tirare fuori a giovedì alterni? Un giovedì gnocchi di patate e il giovedì seguente gnocchi di zucca 😉

Ricetta Gnocchi di Zucca allo Zenzero

Gnocchi di Zucca
Porzioni 2
Stampa
Tempo totale
3 hr
Tempo totale
3 hr
Ingredienti
  1. 400 g di zucca gialla
  2. 200 g di farina (almeno)
  3. zenzero fresco
  4. sale
  5. peperoncino
  6. pomodorini
  7. olio
Preparazione
  1. Cuocere la zucca gialla al vapore e poi, con una forchetta, ridurla in poltiglia.
  2. Aggiungere il sale e circa 10 g di zenzero fresco tritato.
  3. Amalgamare il tutto alla farina (ho aggiunto tanta farina fino ad ottenere un composto abbastanza sodo).
  4. Formare gli gnocchi che poi vanno passati sui rebbi di una forchetta dall’alto verso il basso (questa cosa la faceva mia nonna e serve per creare delle scanalature per “intrappolare” il condimento).
  5. Mettere gli gnocchi su un canovaccio spolverato di farina in modo che non si tocchino fra di loro e lasciarli riposare 2 ore prima di lessarli in acqua salata. (Si possono anche surgelare!).
  6. Nel frattempo preparare una padellina con un filo d’olio e far soffriggere per circa 10 minuti dei pomodorino perino tagliati a metà, sale e peperoncino.
Diario di Cucina https://www.diariodicucina.it/