Fondue Bourguignonne

Fondue bourguignonne

Fondue Bourguignonne. Da non confondere con la Boeuf Bourguignonne (clic)

Tempo fa, con la mia amica Marianna si parlava di ricette e cibi afrodisiaci…
C’ho dovuto pensare su parecchio, e più ci pensavo meno ne venivo a capo.
Cosa intendiamo per sostanze afrodisiache? Sostanze che aumentano il desiderio? Sostanze che migliorano le prestazioni?
E una sostanza può funzionare allo stesso modo sia per l’uomo che per la donna?
In presenza di calo del desiderio consiglio a tutti di cambiare partner. Invece in caso di seri disturbi organici forse è il caso di rivolgersi alla farmacologia.
Ma con Marianna il tono della conversazione era giocoso… più una curiosità… un modo per divertirsi con il compagno e fare gli scemi.
Ho subito pensato al peperoncino, che ha effetti vasodilatatori. E la vasodilatazione (in certi frangenti) è importante sia per lei che per lui. Quindi approverei i cibi piccanti.
Assolutamente vietato il cioccolato: contiene triptofano (precursore della serotonina) che è un calmante. Infatti in caso di delusioni amorose è tipico il ricorso al cioccolato; un po’ per la bontà e la dolcezza, un po’ per l’effetto calmante e rassicurante del triptofano e della serotonina.
Quindi ci dovremmo buttare su cibi privi di triptofano. Il mais. In caso di un attacco improvviso di fame potremmo metterci a sgranocchiare una bella pannocchia di mais (che se sgranocchiata a dovere è moooolto erotica)… Oppure consiglierei la polenta. Fra l’altro, la crusca (che rappresenta la parte esterna del chicco di frumento) contiene l’aleurone che pare supporti l’uomo in certi momenti.

Sicuramente avere fame non aiuta l’erotismo (forse è per questo che ci invitano a cena!!!), così come i cattivi odori o gli odori molto forti (in caso di una cenetta casalinga facciamo attenzione a quello che decidiamo di cucinare)

Io credo che il cibo afrodisiaco per eccellenza non esista. Giocano un ruolo molto più importante le aspettative… le suggestioni… la fantasia… il modo di mangiare… e, sicuramente, cucinare insieme!

Detto questo, la fondue bourguignonne è quello a cui penserei per creare l’atmosfera giusta. E i motivi sono molti:
Prima di tutto è una preparazione estemporanea e quindi la casa non si riempirà di strani odori di cucinato. E, per lo stesso motivo, non dovremmo passare il pomeriggio sui fornelli, ma potremmo pensare a farci belle!
Con la fondue bourguignonne si condivide lo spazio per la cottura della carne, non esiste il “mio” e il “tuo” ma solo il “nostro”.
Con la fondue bourguignonne ci si può prendere cura a vicenda cuocendosi a turno la carne.
Con la fondue bourguignonne ci sono le salsine (ovviamente ce ne deve essere almeno una piccante) nelle quali intingere i pezzetti di carne cotti, e con un pò di fantasia può diventare un bel gioco!

Ricetta Fondue Bourguignonne

Fondue Bourguignonne
Stampa
Tempo totale
10 min
Tempo totale
10 min
Ingredienti
  1. Olio extravergine di oliva
  2. filetto di manzo tagliato a cubetti
  3. maionese
  4. ketchup
  5. salsa barbecue
  6. salsa bernese
  7. salsa chili
Preparazione
  1. Si riempie l'apposito recipiente per metà di olio e si mette sul fornello a far riscaldare.
  2. Quando l’olio è diventato caldo si toglie il recipiente dal fuoco e si mette al centro della tavola sopra il fornelletto a spirito.
  3. A questo punto, con le apposite forchettine, si prende un pezzo di carne (polpa di manzo tenerissima tagliata a dadini) e si immerge nell’olio bollente fino alla cottura desiderata.
  4. Intingere nelle salsine (maionese, ketchup, salsa barbecue, salsa chili, ect.).
Diario di Cucina https://www.diariodicucina.it/