Caponata

Caponata

Per avere le ricetta della caponata ho dovuto penare un po’…

Una volta ho chiesto alle mie due nonne di farmi dare una sbirciatina ai loro ricettari.
“Che vuoi vedere, bella di nonna?!” mi domanda la nonna siciliana (nonna Rosa)
Io: “il ricettario, nonna. Dove ti appunti le dosi e il procedimento delle ricette che fai.”
Lei: “ma io non ce l’ho. Vado a occhio e a ricordo”
Allora provo con quella marchigiana… (nonna Gina)
Lei: “aspetta qui che te lo vado a prendere”
Quando torna porta una vecchia agenda dove c’erano appuntate liste della spesa, dare e avere con il macellaio e il fruttivendolo e, sì, qualche incipit di ricette… ovviamente inutilizzabili.
La tradizione orale… prima della scrittura la conoscenza si tramandava per tradizione orale e, per quanto riguarda le ricette, ogni famiglia aveva le proprie versioni.
Esperienza sulle consistenze, conoscenza degli strumenti di cottura e delle materie prime. Questo serve per cucinare manicaretti. Tentativi, fallimenti e successi. “Si tratta solo di prenderci la mano. Dopo un po’ la quantità giusta la senti nel braccio. Chi usa il bilancino del farmacista sbaglia in partenza”. Sorrido e penso a chi vuole le dosi esatte (quasi blindate), i tempi di cottura precisi al secondo, fino ad arrivare ai dettami di girare in senso orario o antiorario (chissà, forse dipenderà dall’emisfero in cui ci si trova…??!!). Tutto questo  serve all’inizio per chi non sa cucinare e, malignamente, per cercare di far sembrare questa attività difficile e “per pochi eletti”. Non è così. Almeno, non lo è per me: la ricetta “vera” e “unica” non esiste. Esiste quella di mia madre, quella di mia nonna, quella che ho mangiato in quel ristorante e che voglio rifare a casa mia ritrovando quel sapore!
Questa è la vera ricetta della caponata (di mia nonna Rosa) 😉

Ricetta Caponata

Caponata
Porzioni 6
Stampa
Tempo totale
1 hr
Tempo totale
1 hr
Ingredienti
  1. 4 melanzane
  2. 6 gambi di sedano
  3. 2 cipolle
  4. 15 pomodori ciliegino
  5. 150 g olive verdi snocciolate
  6. 1 cucchiaio di capperi sotto sale
  7. 1 cucchiaio di zucchero
  8. ¼ di bicchiere di aceto di vino rosso
  9. ½ bicchiere di olio d’oliva
  10. basilico fresco
  11. sale
  12. pepe macinato al momento (o peperoncino)
Preparazione
  1. Ho lavato le melanzane e le ho tagliate a tocchetti lasciando la buccia.
  2. Le ho messe, dopo averle salate, in uno scolapasta, per far scolare l’acqua amara (circa 1 ora).
  3. Le ho risciacquate e asciugate bene con carta assorbente da cucina.
  4. Nel frattempo ho pulito e lavato il sedano, l’ho tagliato a cubetti e l’ho fatto bollire per circa 10 minuti.
  5. L’ho scolato accuratamente.
  6. Ho tagliato a metà i pomodori e le olive. Ho passato i capperi sotto l’acqua.
  7. Ho affettato finemente le cipolle.
  8. Ho fatto scaldare l’olio in una grossa padella e c’ho fatto friggere le melanzane per circa 3 minuti (finché non si erano ben dorate).
  9. L’ho tolte con un cucchiaio forato e le ho mese da parte.
  10. Nello stesso olio ho fatto soffriggere le cipolle e il sedano, poi ho aggiunto i pomodori, le olive e i capperi.
  11. Ho aggiustato di sale e di pepe e ho fatto cuocere a fuoco basso per circa 5 minuti.
  12. Ho aggiunto le melanzane e ho fatto cuocere per altri 10-15 minuti, mescolando 4 o 5 volte delicatamente.
  13. Ho cosparso lo zucchero e versato l’aceto e ho fatto cuocere per altri 3-4 minuti.
  14. Guarnire col basilico.
Note
  1. Si serve tiepida o fredda.
  2. Il giorno dopo è ancora più buona.
Diario di Cucina https://www.diariodicucina.it/