Burritos Maison

burritos

La vita da espatriati è davvero strana… chi ha lasciato il proprio paese lo sa. Certe volte il sentimento da espatriato ce l’hai anche solo se devi cambiare città. Lo sanno bene tutti quelli che hanno dovuto lasciare la propria città per inseguire il lavoro. E così da espatriati (in patria e non) viene naturale e istintivo fare gruppo con altri espatriati come te, perché oltre a integrarti nella nuova società, senti il bisogno di ritrovarti con la tua gente. Così nascono forti amicizie anche con persone con cui hai apparentemente poco in comune, tranne (forse) la cosa più importante: lo status mentale da espatriato!

E così, paradossalmente, scambio più inviti a cena qui (dove conosco quattro gatti) che in Italia! Bello…

Con tutti questi inviti a cena diventa quindi importante vivere la serata in tranquillità, senza passare ore davanti ai fornelli, senza pensare troppo a fare un menù bilanciato (tra primi e secondi). Per cui, ormai o mi oriento verso la filosofia spiegata in Guacamole Dip and Chips, oppure verso un piatto unico consistente, tipo i Burritos. Ovviamente in entrambe le scelte non può mancare il dessert (è un gesto di amore).

Ho notato che le persone sono molto più allegre quando possono avere un ruolo attivo in quello che mangeranno, quindi mi piace mettere in tavola tutti gli ingredienti e lasciare che ciascuno si assembli il proprio piatto, e i burritos sono perfetti a questo scopo.

Nel caso dei burritos preparo un piatto centrale molto ben fornito di vari tipi di salse (maionese, crème fraîche epaissé, salsa messicana piccante e dolce) e spezie (tabasco, curry, peperoncino, cumino), metto la carne in una grande ciotola e le piadine calde a lato. Lascio quindi che siano i miei ospiti a comporre e arrotolare il proprio personalissimo burritos.

Parliamo della carne di manzo.
Diciamo che la sua scelta dipende da quanto è fino il palato dei vostri commensali.
Potremmo scegliere del classicissimo macinato (non magro), veloce da cuocere oppure un bel pezzo di controfiletto di manzo da tagliare a tocchetti con il coltello buono (come una tartare).

C’è davvero poco da fare, quindi. Rimane solo di cucinare ad arte la carne, scaldare le piadine in padella, disporre il tutto sulla tavola e… aspettate il passaggio delle cavallette 😀

Ricetta Burritos

Burritos
Porzioni 4
Stampa
Tempo totale
30 min
Tempo totale
30 min
Ingredienti
  1. 600 g di carne di manzo
  2. 125 g di fagioli rossi cotti e sgocciolati
  3. mix di formaggi grattugiati (parmigiano, mozzarella, groviera)
  4. maionese
  5. crème fraîche epaissé
  6. salsa messicana per burritos (va bene sia quella piccante che quella dolce)
  7. 4 pomodori
  8. insalata
  9. vino rosso
  10. 1 cipolla
  11. olio extravergine di oliva
  12. tabasco
  13. 1 bouquet garni (garza contenente le seguenti spezie: cipolla, aglio, timo, alloro, chiodi garofano e sedano.). Se non lo trovate già pronto procuratevi tutti gli ingredienti e legateli con un filo: a fine cottura vanno tolti.
  14. piadine per burritos.
Preparazione
  1. Parliamo della carne di manzo.
  2. Diciamo che la sua scelta dipende da quanto è fino il palato dei vostri commensali.
  3. Potremmo scegliere del classicissimo macinato (non magro), veloce da cuocere oppure un bel pezzo di controfiletto di manzo da tagliare a tocchetti con il coltello buono; come una tartare.
  4. Tritate finemente la cipolla e fatela imbiondire in un giro di olio, quando è pronta aggiungete la carne, il bouquet garni e il vino rosso fino a coprire tutta la carne. Quando la carne sarà cotta salate e aggiungete i fagioli rossi. Fate amalgamare i sapori e fate asciugare il vino.
  5. Per dei burritos un po’ più “luridi” potete aggiungere dell’olio extravergine di oliva sulla carne cotta.
  6. Lavare l’insalata e tagliarla a listarelle; lavare i pomodori e tagliarli a cubetti.
Diario di Cucina https://www.diariodicucina.it/