Abbacchio e Carciofi in Fricassea

abbacchio e carciofi in fricassea

Fricassea di abbacchio e carciofi.

Non sono ligure e non ho alcun tipo di legame con la Liguria anzi, ci sarò stata sì e no 3 volte. Allora forse sarà per questo che quando su “La cucina Italiana” ho letto la ricetta dell’abbacchio in fricassea, la parola “fricassea” ha attivato un qualche neurone: <<“Uhmmmm, FRICASSEA, questa parola l’ho già sentita… mi da l’idea di essere una roba complicatissima!!>>
E quindi che faccio? Mi cimento.
Stupore… ho trovato un secondo piatto di carne gustoso, veloce da preparare (la cottura della carne e dei carciofi può essere fatta anche il giorno prima) e facilissimo. Tutto sta nell’abilità di far addensare l’uovo senza farlo diventare frittata, la stessa difficoltà della pasta alla carbonara 😉 quindi la fiamma sotto la pentola deve essere al minimo che più basso non si può quando aggiungiamo l’uovo (emulsionato con il limone) e quando comincia ad addensare si toglie dal fuoco e si serve subito.

1 cosciotto di abbacchio di circa 800 g
5 carciofi grandi
2 uova
3 limoni
vino bianco secco
prezzemolo
aglio
olio
sale

Ho pulito i carciofi privandoli del gambo, spuntandoli a 3/4 dalla base e togliendo le foglie dure esterne (del carciofo io butto almeno il 65% per non incorrere nel rischio di ritrovarmi qualche foglia dura), li ho tagliati a metà per la lunghezza e ho eliminato le spinette interne e la peluria alla base.
Ho tagliato ciascuna metà del carciofo in due (così da ottenere 4 spicchi da ciascun carciofo).
Li ho tenuti in una bacinella con acqua fredda e il succo di 2 limoni.
Ho preso il cosciotto e ne ho ricavato dei bocconcini di sola polpa.
Ho preparato un trito di prezzemolo e aglio e ho fatto rosolare (a fuoco vivace) i bocconcini di abbacchio in una padella con il trito preparato e un giro d’olio.
Quando la superficie della carne ha preso un bel colore dorato ho aggiunto 1/2 bicchiere di vino e ho salato. Ho coperto e ho abbassato la fiamma.
Dopo 45 minuti ho aggiunto i carciofi scolati.
Ho tenuto sul fuoco per altri 15 minuti.
Poco prima di servire il secondo ho messo di nuovo la pentola sul fuoco a far riscaldare la carne (ho aggiunto un filo d’olio) e ho preparato l’emulsione di uovo e limone sbattendo le 2 uova con 1/2 limone e, quando la carne si era riscaldata perbenino, l’ho versata dentro la pentola dopo aver abbassato al minimo la fiamma.
Il tempo per far addensare la salsa (qualche minuto) e ho servito.

Ricetta Fricassea di Abbacchio e Carciofi

Fricassea di Abbacchio e carciofi
Porzioni 4
Stampa
Tempo totale
2 hr
Tempo totale
2 hr
Ingredienti
  1. 1 cosciotto di abbacchio di circa 800 g
  2. 5 carciofi grandi
  3. 2 uova
  4. 3 limoni
  5. vino bianco secco
  6. prezzemolo
  7. aglio
  8. olio
  9. sale
Preparazione
  1. Ho pulito i carciofi privandoli del gambo, spuntandoli a 3/4 dalla base e togliendo le foglie dure esterne (del carciofo io butto almeno il 65% per non incorrere nel rischio di ritrovarmi qualche foglia dura), li ho tagliati a metà per la lunghezza e ho eliminato le spinette interne e la peluria alla base.
  2. Ho tagliato ciascuna metà del carciofo in due (così da ottenere 4 spicchi da ciascun carciofo).
  3. Li ho tenuti in una bacinella con acqua fredda e il succo di 2 limoni.
  4. Ho preso il cosciotto e ne ho ricavato dei bocconcini di sola polpa.
  5. Ho preparato un trito di prezzemolo e aglio e ho fatto rosolare (a fuoco vivace) i bocconcini di abbacchio in una padella con il trito preparato e un giro d’olio.
  6. Quando la superficie della carne ha preso un bel colore dorato ho aggiunto 1/2 bicchiere di vino e ho salato. Ho coperto e ho abbassato la fiamma.
  7. Dopo 45 minuti ho aggiunto i carciofi scolati.
  8. Ho tenuto sul fuoco per altri 15 minuti.
  9. Poco prima di servire il secondo ho messo di nuovo la pentola sul fuoco a far riscaldare la carne (ho aggiunto un filo d’olio) e ho preparato l’emulsione di uovo e limone sbattendo le 2 uova con 1/2 limone e, quando la carne si era riscaldata perbenino, l’ho versata dentro la pentola dopo aver abbassato al minimo la fiamma.
  10. Il tempo per far addensare la salsa (qualche minuto) e ho servito.
Diario di Cucina https://www.diariodicucina.it/