Abbacchio alla Scottadito

abbacchio alla scottadito

Ancora non ho postato l’ abbacchio alla scottadito??
Ma che romana scellerata!!
Qui rischio la scomunica, il ritiro della carta d’identità e lo stralcio del certificato di residenza!!!

L’ abbacchio alla scottadito è una ricetta semplice, anzi semplicissima, della tradizione popolare.
L’ abbacchio alla scottadito è adatto, anzi adattissimo, ai barbecue in giardino o nel parco.

Non è una ricetta che ha bisogno di grandi presentazioni, né di grandi spiegazioni tecniche. A pasquetta saranno milioni le costolette d’abbacchio che sfrigoleranno sulle graticole. Qualcuna sfrigolerà anche in questa casa… magari dopo una cacio e pepe o una ajo ojo e peperoncino (oddio ancora non ho postato neanche questa!), per un pranzo all’aperto tra amici. Oddio, non è che dopo due fave con il pecorino romano ci starebbero male, è?
Sì perché passerò questi giorni di festa nella città eterna (che nel frattempo ha già avuto un turnover: fuori i romani, dentro i turisti). Prenderò il cappuccino a Campo de’ Fiori, pranzerò a Piazza Navona ma andrò a prendere il caffè a Sant’Eustachio, e per cena andrò alle fraschette dei castelli (tra l’altro voglio fare un salto in un ristorantino niente male di Grotta Ferrata…), oppure dal Filettaro a Santa Barbara. Lo so, lo so: so’ sacrifici!!!

Ricetta Abbacchio alla Scottadito

Tempo di preparazione:
30 minuti

Chi è appassionato di barbecue lo sa: la carne, prima di essere messa sulla griglia, va spennellata con olio o burro fuso. Questo favorisce una distribuzione omogenea del calore sul pezzo di carne da cuocere. E quindi spennelliamole, poi aggiustiamo di sale e pepe. E questo è già più che sufficiente per ottenere un ottimo risultato. Chi vuole strafare può aggiungere del rosmarino, aglio, salvia, menta o quello che gli va…
L’importante è tenere in mente che la griglia deve essere caldissima: come ho già detto e ridetto la Maillard ha bisogno di alte temperature (tra i 140 e i 180° C) e questa ricetta così semplice punta tutto sullo sviluppo degli aromi che si formano con la Maillard. Mettere la carne oliata e condita sulla griglia rovente e non forzarla a staccarsi dalla griglia: quando la Maillard sarà terminata si staccherà da sola. Meglio non usare forchettoni o strumenti appuntiti perché si corre il rischio di sforacchiare la carne facendole perdere tutti i suoi succhi con il risultato di indurirla!!